Mohen

30425052_10212349213180564_6862662492103610783_o

Lui è Mohen, il ragazzo che voleva a tutti i costi la mia foto vincitrice del concorso Io vengo da qui. Quando il giorno della premiazione mi si fece vicino, dopo che per due giorni aveva ripetutamente chiesto agli organizzatori la fotografia “mi fa sentire meno solo” ribadendolo come un mantra, andò dritto al punto “la voglio, c’è del sacro che mi fa sentire meno solo”.
Ieri, lo abbiamo trovato tra i banchi della frutta e della verdura del mercato di Senigallia. Abbiamo parlato poco, hanno parlato le emozioni di due corpi che navigano il mare delle solitudini ingombre. I mercanti, vista la scena, si sono fatti vicini “hai visto che te l’ha portata”. Sembrava un presepe.
Mohen significa Dio Krishna. Suo padre era indiano, mi ha detto Mohen.
In questo presepe, Stefano Mariani ha raccolto l’incontro ritraendoci e Alberto Polonara, organizzatore del concorso fotografico, ha donato la foto.

Fosse comuni (da Voci dall’invisibile) letta da Interno poesia

Fosse comuni Non si stacca la carne dalle ossa degli scomparsi. Per sparizione i denti ricomposti sono morsi che nemmeno tre metri di terra lasciano la presa. I bacini portano piaghe di letti con soffitti d’orizzonte dove i femori sinistri si attaccano per articolazione ai polsi stretti tra le sbarre, dove i piedi spaiati stanno…

via Francesca Perlini — Interno Poesia

Dove i traumi

Dove i traumi hanno compiuto tutto il loro tragitto -le opache strade percorse, i gesti inutili per rivedere luce, i frammenti di sé lasciati sul campo, i disorientamenti e le follie, le voci dissonanti e i residui di voce labile ma ferma- tutto si dà appuntamento in un momento nell’universo inconoscibile. Il corpo è lì, condotto e portato. Si rompe tutto. La fine, pensi. Da un punto partito chissà dove, un’ancora. Si è agganciata nel fondale del cuore. Una condensazione di energia. Sei morto. Esce una voce che pesca dal cuore, trapassa ogni esposizione al mondo. Chi è lì viene cucito in una rete di cuori. E’ dal tuo che i nodi tengono. Una terra sconosciuta viene attraversata. Sei al di là dei traumi, ed è stato l’amore. Si ricomincia ad amare e tutto il prima è stato perfetto per arrivare al di là del male.

da Voci dall’invisibile, inedito.