Fosse comuni, da Voci dall’invisibile

Non si stacca la carne
dalle ossa degli scomparsi.
Per sparizione i denti ricomposti
sono morsi che nemmeno tre metri di terra
lasciano la presa. I bacini portano piaghe di letti
con soffitti d’orizzonte dove i femori sinistri
si attaccano per articolazione ai polsi stretti
tra le sbarre, dove i piedi spaiati stanno come
capelli senza vento.
Dietro un portone, immobile
l’aria guarda al prato e trattiene il respiro
nei petti in cui i cuori versano lo stesso rosso vivo.
Vivo abbastanza che non bastano tre metri di terra,
dove scomposti gli scomparsi
risalgono a prendere corpo nella voce,
in quella luce di primule a marzo
che non dice, ricorda
le leggi dell’eternità e non del tempo.

 

da Voci dell’invisibile, inedito

Io vengo da qui

30710383_10212279155669170_8017184848435103320_n

30549758_10212284854731643_706840740_o
©s o n o n e i b o s c h i, 2018 – Francesca Perlini

Appartengo al Bosco, ai passi tra il buio nel fitto e la luce nelle radure. Uno sposalizio indissolubile. Quasi fosse un regalo di nozze, una mia fotografia da ©sononeiboschi è risultata vincitrice nel concorso fotografico “Io vengo da qui” organizzato da ArtLine con la collaborazione  del Gruppo fotografico F7.
Il 14 e 15 aprile, presso l’ex pescheria del Foro Annonario di Senigallia, sarà visibile in mostra insieme ad altri finalisti.

La motivazione della giuria
“L’immagine fotografica, resa con gradevole tonalità coloristica, rimanda ad un sogno vissuto nel profondo dell’animo umano, tra fiabe della fanciullezza e la continua ricerca di un mondo inesplorato.”

Questo il link attraverso cui potete trovare tutte le informazioni sulla mostra e gli eventi ad esso collegati: Io vengo da qui

Prima di partire

30223407_10212279076587193_938581889_o
Prima di partire – Opera in copertina di Gianni Nieddu

 

*

sono piccola di statura

minuta nelle articolazioni

una deriva di piccole fratture.

forse è per questo che scrivo per brevità.

l’osso finisce subito nel rotto,

il tempo di percorrerlo

è quello del frammento,

di una poesia che sta in qualche centimetro.

 

da Prima di partire (Sigismundus edizioni, 2013)